Nano Press
Facebook Twitter Instagram Google+ YouTube RSS Feed Italiano English Türkiye
Serie A 30/01/2015, 21.43

Sopra di tre e pochi secondi dal termine: faccio fallo?

Il confronto fra le differenti scuole, europea e americana, fra fare fallo e difendere

Serie A



Tredici secondi dal temine, sei sopra di tre. Un avversario palleggia girato di spalle davanti ad un tuo giocatore. Un facile e sicuro bersaglio se la tua scelta è quella di fare fallo.

Probabilmente, centinaia di allenatori si sono trovati in questa situazione e ci potrebbero spiegare come hanno abilmente gestito quegli attimi e applicato una strategia che li ha portati alla vittoria.

Sicuramente, in questa identica situazione si sono trovati i San Antonio Sprus, in gara 6 di finale a Miami contro gli Heat di Lebron, a tredici secondi dal Titolo. Il moonwalk di Ray Allen e la palla che muove la retina dell’American Airlines Arena, sono entrati di diritto nella storia NBA. Come noi facevamo con i VHS tremolanti di Bird e Magic, anche questi momenti verranno visti e rivisti anche dalle generazioni a venire, su chissà quali supporti tecnologici.

Durante la conferenza stampa post gara 6, un impavido giornalista della Gazzetta chiese a Popovich se aveva considerato di fare fallo negli ultimi secondi per evitare il mortifero tiro da tre di Ray Allen. “Questa è una domanda Europea, giusto? No non l’ho considerato”. Next question?

Quegli ultimi secondi del quarto periodo sono stati più volte magnificati con mille lenti di ingrandimento. Analizzati, scomposti, discussi. Anche qui in Italia, Flavio Tranquillo, ci ha fatto apprezzare come un singolo frammento di basket di 20 secondi, sia composto da decine di decisioni individuali, che compongono quella che alla fine dovrebbe essere la tattica di squadra. Decisioni su dove passare su un blocco, sul cambio difensivo, sul taglia fuori: tutto questo influenza l’andamento dell’azione, della partita e probabilmente anche i nostri giudizi postumi, anche se non dovrebbe farlo.


Per sgombrare il campo da dubbi, io non voglio tornare ad analizzare quella situazione, o portare dati a supporto di una tesi piuttosto che dell’altra, al massimo potrebbe farlo un allenatore. Invece, voglio prendere spunto dalla frase di Popovich: “European Question”.

È convinzione comune, evidentemente anche per l’allenatore degli Spurs, che ci siano due scuole: quella Europea schierata sul fare fallo e quella USA che è per difendere.

Recentemente ho sentito da fonti autorevoli, che ci sarebbero studi che hanno analizzato la questione, e che con dati quantitativi mostrerebbero la convenienza delle due opzioni, con una predilezione per la strada americana, cioè difendere.

È a questo punto che sorge un dubbio: ma lo studio, è stato fatto in America o in Europa? Attenzione, non pensiate stia parlando di campanilismo o presunta parzialità, io sto parlando di regole e giocatori.


Ma andiamo con ordine. Le regole.

Sono sopra di tre a 10 secondi dal termine. Detto che devo riuscire a fare fallo non sul tiro da tre, decido di fare fallo. Per semplicità ipotizziamo che dopo la gita in lunetta dell’avversario e della mia (a seguito dell’ovvio fallo che subirò dopo i liberi), il punteggio sia sempre +3 per me, cioè abbiamo segnato entrambi dalla lunetta. Ma cos’è che è cambiato: invece di 10 secondi ne mancheranno probabilmente 5, insomma, ho fatto un affare.

A questo punto, per l’allenatore avversario, iniziano le domande. Dove si trova? È al PalaBigi di Reggio Emilia, o allo Staples Center di Los Angeles? Si, perchè se è in NBA, chiamerà Time-Out e avanzerà il pallone. Se si trova in Italia deve capire se può chiamarlo, perchè si può chiamarne solo due negli ultimi due minuti e magari il giochino del fallo è stato fatto già una volta (quindi facendo fallo già a 20 secondi dal termine). Insomma, per il momento, il mio fallo potrebbe aver messo in difficoltà l’allenatore europeo, non quello americano.

Ma andiamo avanti. Rimessa avanzata. Ho cinque secondi. Quante probabilità ho di fare una buona rimessa e di conseguenza prendermi un buon tiro? Anche qui i numeri sono diametralmente opposti: in NBA se non vedo un buon passaggio il giocatore chiama Time Out e avrà un'altra possibilità, in Italia è costretto a buttare la palla per non fare una palla persa. Anche qui, in Europa il mio fallo ha creato problemi.

Inoltre, non dimentichiamoci le dimensioni del campo, che essendo più grandi nell’NBA favoriscono i passaggi e quindi la palla, che viaggia piú velocemente dei giocatori, puo’ accorciare i tempi.

Infine, biosgna considerare l’attenzione al tempo sul cronometro, che in NBA al contrario dell’Europa è molto alta, con gli arbitri che vanno spesso a riposizionare il cronometro, stando attenti a non perdere anche i decimi di secondo.

Tutto questo attiene alle regole, ma poi ci sono anche i protagonisti del gioco. Una delle principali differenze fra NBA e Europa a detta dei giocatori che hanno giocato in entrambi i continenti è la differente dimensione temporale (Belinelli dixit). In Europa 5 secondi sembrano pochi per costruire un buon tiro, mentre in NBA l’allenatore riesce a disegnare anche schemi complessi per liberare un giocatore all’ultimo secondo. Ovviamente qui non si tratta di avere buoni coach, o almeno non solo, ma di avere atleti che in due secondi riescono a fare spostamenti e ad elevarsi in tempi e spazi che in Europa non sembrano umani. Anche dopo la prima schiera dei migliori giocatori, in NBA è facile trovare esterni sopra i 2 metri rapidissimi e atletici. Non c’è bisogno di scomodare Derek Fisher e il suo canestro nelle semifinali 2004, per dimostrare che si può prendere un buon tiro anche con 40 centesimi di secondo e vincere una partita. 

Per guardare solo alla sostanza. Mi sembra sbagliato voler trovare una risposta unica ad un dilemma che ha regole e fattori completamente diversi. Anche perchè il nostro problema è che il giusto e lo sbagliato lo definiamo a seconda dell’aver vinto o meno una partita. E non dovrebbe essere cosí. Potremmo aver preso tutte le decisioni corrette e perdere, cosí come potrebbe succedere il contrario.
Rimanendo sul grezzo "chi ha ragione", probabilmente le decisioni degli allenatori USA e Europa sono opposte ma entrambe corrette, perchè ognuna presa, a ragion veduta, nel proprio contesto.

© Riproduzione riservata
P. Chierici

P. Chierici

Potrebbero interessarti
Comments Occorre essere registrati per poter commentare 135 Commenti

Pagina di 3

  • NBAFolk 01/02/2015, 23.13

    Complimenti per l'articolo

  • SirCharles3 01/02/2015, 14.38

    Ci sono anche altre variabili.... Ad esempio la propensione della squadra a rimbalzo. Perché la squadra che va ai tiri liberi può anche sbagliare intenzionalmente un tiro.

  • TheJoshuaTree 31/01/2015, 22.57 Mobile

    Eccellente articolo, molto interessante e scritto molto bene. La chiave di tutto però dal nostro posto d'osservazione rimane il punto finale, cioè che il nostro problema (europeo in generale, ma italiano in particolare) è che consideriamo il giusto o lo sbagliato, il buono o il non buono, il bravo o l'incapace esclusivamete sulla base del risultato finale: conta solo vincere, il resto è teoria. Detto questo, imperitura stima e incondizionato rispetto per Pop ma quel fallo doveva chiamarlo senza discussioni!

  • Mozart 31/01/2015, 21.18

    mi associo ai complimenti per l'articolo...interessante, come il precedente sui tiri (impostazione sullo "stile" del grande rino tommasi)

  • andrea75 31/01/2015, 19.53

    Le variabili ovviamente sono tantissime (qualità nel tiro da tre e nei tiri liberi degli avversari, capacità difensiva della mia squadra, attitudine a rimbalzo, etc.), ma secondo me l'ideale è difendere forte sulla palla e sul perimetro, per concedere eventuali tiri da tre a basse percentuali e far correre il cronometro. Se sono in vantaggio a una manciata di secondi dalla fine non voglio fermare il cronometro

  • Aloha 31/01/2015, 18.30 Mobile

    Non ho letto i post e magari qualcuno lo ha già detto, ma i coach americani non dovrebbero fare tali commenti visto che nell'NBA vige il fallo sistematico dal secondo o terzo quarto sul giocatore battezzato perché non sa tirare i liberi. Succedeva con show (shaqattack), poi con D Howard, ed ora con un altro paio ma mi sfugge il nome. Cosa ignobile. Fra questo ed il tanking per me l'NBA sta perdendo molto appeal

  • Supercarlito 31/01/2015, 17.05

    Farei senz'altro fallo…..e Popovich poteva anche evitare di sottolineare che si trattava di domanda europea…..

  • Fac11 31/01/2015, 15.39
    Citazione ( chauser 31/01/2015 @ 09:26 )

    l'unica cosa che un allenatore può decidere è la probabilità. Perchè nessuno è in grado di prevedere il futuro. Tu hai 2 casi. In uno permetti ad un giocatore di tirare da 3 e pareggiare in un colpo solo. (verosimilmente un giocatore dal 50% da ...

    ma 50% secondo quale statistica? se hai un buon difensore direi che la percentuale del tiro si abbassa notevolmente, calcolando che puoi tranquillamente farti battere in penetrazione dato che devi solo impedire un tiro da tre comodo.
    E se non si fosse capito ti ripeto che io non sono a priori ne per l'una ne per l'altra, sostengo piuttosto che decidere a priori sia sbagliato.


    Aggiungo, non credo che gli americani credano che fare fallo sia antisportivo, ma semplicemente sia una mossa troppo "difensiva". Per fare un paragone con uno sport un po' più simile alla pallacanestro, il fare fallo può equivalere al fare catenaccio. Cosa che a non tutti piace e che come tutte le scelte ha dei pro e dei contro.

  • chauser 31/01/2015, 15.14
    Citazione ( peterparker0607 31/01/2015 @ 14:54 )

    La vela sport di contatto... Spero per loro di no! :) Comunque il paragone ci sta, tuttavia i neozelandesi marcavano l'avversario perché avevano la barca più veloce, quindi il loro ragionamento era: scelgo lo stesso campo gara perché con le stesse ...

    no, è la regola non scritta del match race. Davanti si marca l'avversario. Adesso lo fanno tutti. Comunque era un paragone...:-)

  • Anklebreaker 31/01/2015, 14.57

    Faccio sempre fallo!

  • peterparker0607 31/01/2015, 14.54 Mobile
    Citazione ( chauser 30/01/2015 @ 22:15 )

    ciao peterparker. Vorrei solo fare una considerazione di cui non tieni conto nell'articolo. Il fallo mi consente SEMPRE di avere una mossa di vantaggio. Negli sport di contatto si sceglie SEMPRE questa opzione. Ti faccio un esempio su tutti. Il match ...

    La vela sport di contatto... Spero per loro di no! :)
    Comunque il paragone ci sta, tuttavia i neozelandesi marcavano l'avversario perché avevano la barca più veloce, quindi il loro ragionamento era: scelgo lo stesso campo gara perché con le stesse condizioni sono più veloce, con condizioni diverse magari perdo perché cambia il vento. Uscendo dalla metafora della vela, secondo me si danno per scontate tante cose che invece non lo sono, tipo non sbagliare la rimessa o segnare i liberi. Quello che storpia un po' le analisi è che quando fai fallo e va tutto liscio, la sensazione è quella di aver vinto facilmente senza dare opportunità all'avversario e questo solo perché non ci sono stati imprevisti.

  • JuvecasertaBasket 31/01/2015, 14.52 Mobile
    Citazione ( rambogianolla 30/01/2015 @ 23:41 )

    Invece tabu non fece fallo su Stefano Gentile e ci avete battuti con bomba

    Ahah... cmq prendi la gara di andata tra Cantù e JC ...

  • testaquedradoc 31/01/2015, 13.41 Mobile

    più o meno la situazione di domenica scorsa noi con Trento, palla a Mitchel e noi a difendere, Max Menetti ha optato x difesa aggressiva di Kaukenas senza fallo ed è andata bene...dipende dall'andamento della gara, come soiegato da Max Trento veniva da minuti senza segnare e ha optato x questa scelta, concordo pienamente!

  • Fenixwing 31/01/2015, 12.53
    Citazione ( Vroman72 31/01/2015 @ 11:26 )

    Ma quale atletoni quando Carmelo Antony ha appena detto che va recuperata la scuola europea e il basket NBA sta implodendo? Allora ho ragione io, gli atletoni so gente rubata all'atletica o alle parallele.Non scherziamo Fenix, non c'è attitudine dif ...

    A rimbalzo stazza ed esplosività contano più della tecnica, lascia perder la frase di Melo che riguarda il decorso intero della partita, non la fase di rimbalzo. Diaw/Duncan e Splitter non sono atletoni, Birdman, Haslem, Bosh, Wade persino, posson dare fastidio, non come un Faried o un McGee, ma danno fastidio.

    L'attitudine difensiva c'era, il parziale SAS in quel frangente l'ha fatto con due contropiedi su due rubate. Poi si son presi una bomba sulla rimessa - dove non credo ci fosse spazio per far fallo - e quella cosa di Allen su rimbalzo offensivo. Se poi a 13 secondi dalla fine (che è quando James ha tirato) o più in una gara 6 fai fallo senza avere timeout, in trasferta...per me ci vuole del coraggio. Io in quella situazione lascio tirare a 13 secondi poi mi gioco l'ultimo possesso se proprio segnano, visto che devon esser bravi a riorganizzarsi e far transizione difensiva o pressing senza aver disegnato niente per assenza di timeout. Poi magari perdo come ha fatto Pop, ma ho la sensazione che perdi quella volta per quel rimbalzo difensivo che dovevi prendere e non hai preso, o magari perchè Parker non è arrivato a far in tempo fallo su Bosh sul rimbalzo, non perchè hai lasciato tirare Lebron.

  • PistolMaravich7 31/01/2015, 12.35
    Citazione ( Vnereandthunder 31/01/2015 @ 10:14 )

    Mah... Se la scelta è quella di giocarsela e difendere in quella situazione specifica, dove presumibilmente l'intenzione di pop era quella di cambiare su ogni blocco, è molto meglio avere un Diaw in campo che un Duncan che non ha la velocità di pi ...

    ci mancherebbe,ognuno ha la sua opinione,forse però ti sei concentrato un pò troppo sull'argomento "pivot più forte degli ultimi 50 anni seduto in panchina nell'azione decisiva per il titolo" e non su,concedimi il termine,la grandissima porcata di conferenza stampa di Pop con quel suo "european question" decisamente dispregiativo,dimenticandosi del fallo sistematico che anche lui adoperava per fermare shaq che ripeto a me sembra molto european come mossa tattica...insomma faceva prima a dire che aveva sbagliato.

  • Spel81 31/01/2015, 12.20 Mobile

    Io farei Fallo al 99,9%

  • Bird73 31/01/2015, 12.09

    Il fallo fa parte del gioco del basket, cosi come il tiro, la difesa, il rimbalzo etc...
    Quindi se mi serve fare fallo per vincere lo faccio e basta, non c'entra niente Europa o Nba. Popovich si è perso un titolo Nba, se fossi stato un giocatore degli Spurs avrei fatto fallo...e vinto un titolo Nba in più!

  • RusveltBui 31/01/2015, 12.00
    Citazione ( feyez 31/01/2015 @ 11:40 )

    Non ho riletto i 100 e passa post precedenti, magari ripeto cio' che ha gia' detto qualcuno. Per me dipende da troppe variabili per dare una linea guida. Dipende da dove giochi: in casa tendo a difendere forte perche' l'arbitro difficilmente fischier ...

    Mi associo al 100%, troppe variabili per sposare a priori una linea o l'altra, (poi io personalmente preferisco sempre la difesa forte al fallo sistematico)

    Comunque complimenti a peterparker0607
    articolo molto interessante soprattutto per quanto riguarda le differenze regolamentari e quanto queste influiscano poi sullo stile di gioco e sulle scelte.
    E anche l'obiettivo di "scatenare l'inferno" mi sembra centrato ;-)

  • feyez 31/01/2015, 11.40

    Non ho riletto i 100 e passa post precedenti, magari ripeto cio' che ha gia' detto qualcuno. Per me dipende da troppe variabili per dare una linea guida. Dipende da dove giochi: in casa tendo a difendere forte perche' l'arbitro difficilmente fischiera' un mezzo fallo contro la squadra di casa negli ultimi secondi di partita. Dipende dall'avversario che hai di fronte: un forte tiratore da tre e' meglio mandarlo in lunetta, una mezza pippa la lascio giocare cercando di difendere.
    Dipende dai rimbalzisti miei e degli avversari: in caso di fallo e tiri liberi, si rischia il tap in sul secondo libero.

  • Vroman72 31/01/2015, 11.26
    Citazione ( Fenixwing 31/01/2015 @ 11:04 )

    Io avrei fatto lo stesso, ne ho viste parecchie di partite vinte per un tapin su rimbalzo offensivo dopo un libero/tiro sbagliato IN NBA. In Europa no, non ci sono abbastanza atletoni per farlo. E ripeto, la difesa HA funzionato, Miami il tiro l'ha s ...

    Ma quale atletoni quando Carmelo Antony ha appena detto che va recuperata la scuola europea e il basket NBA sta implodendo?
    Allora ho ragione io, gli atletoni so gente rubata all'atletica o alle parallele.Non scherziamo Fenix, non c'è attitudine difensiva e anche Popone si è adeguato al gioco circense, se hai atletoni come dici tu, a maggior ragione difendi e trovi il tempo di fargli fallo..

  • Gil10Sba5 31/01/2015, 11.10 Mobile

    Fallo su DeAndre o Dwight difendo e ldiniego assoluto della palla sui i migliori tiratori avversari. Ottimo articolo pet un blog ci si potrebbero lasciare 1000 post. Buona analisi. Grazie

  • Fenixwing 31/01/2015, 11.08 Mobile

    Parker poi, non Gino.

  • Pietrone01 31/01/2015, 11.04 Mobile

    Assolutamente fallo.....se si tira a vincere, se poi si fa tanto per fare....

  • Fenixwing 31/01/2015, 11.04 Mobile
    Citazione ( Vroman72 31/01/2015 @ 10:50 )

    guarda tu puoi parlare tutta la mattina, ho veduto la partita in questione, poco da dire ha pure da fare lo spiritoso, dai se no vedo piovere i quattrini e credo agli elfi.Capisco che vi si tocca l'nba. ma difendere Popovic in quel frangente.. non ...

    Io avrei fatto lo stesso, ne ho viste parecchie di partite vinte per un tapin su rimbalzo offensivo dopo un libero/tiro sbagliato IN NBA. In Europa no, non ci sono abbastanza atletoni per farlo. E ripeto, la difesa HA funzionato, Miami il tiro l'ha sbagliato. Poi se vuoi Pop ha sbagliato il quintetto da metter in campo, ma come lo prevedi quel che è successo dopo che la palla ha rimbalzato sul ferro? Posto che poi Ginobili ha sbagliato l'ultimo possesso dall'altra parte con diversi secondi da giocare, bastava segnasse ed erano tutti felici in Texas.

  • Vroman72 31/01/2015, 10.50
    Citazione ( Fenixwing 31/01/2015 @ 10:47 )

    Guarda che la scelta di difendere in quel caso (almeno in prima istanza) è stata "giusta" anche nell'immediato risultato, Miami HA sbagliato il tiro...il problema è stato dopo concedendo il rimbalzo offensivo, Bosh che ha trovato lo scarico nell'an ...

    guarda tu puoi parlare tutta la mattina, ho veduto la partita in questione, poco da dire ha pure da fare lo spiritoso, dai se no vedo piovere i quattrini e credo agli elfi.Capisco che vi si tocca l'nba. ma difendere Popovic in quel frangente.. non è da te dai..

  • alessandro1404 31/01/2015, 10.49 Mobile

    fallo senza ombra di dubbio...

  • Fenixwing 31/01/2015, 10.47 Mobile
    Citazione ( Vroman72 31/01/2015 @ 10:34 )

    quoto ma poi aveva da fa pure il ganzo col cronista il sig.Poponevic...Se ero il cronista gli dicevo Poro Brodo un fallo non fatto ti è costato il titolo! Io so europeo e te l'hai presa nel c.....o made in usa!!.... l'hai persa!!!!!

    Guarda che la scelta di difendere in quel caso (almeno in prima istanza) è stata "giusta" anche nell'immediato risultato, Miami HA sbagliato il tiro...il problema è stato dopo concedendo il rimbalzo offensivo, Bosh che ha trovato lo scarico nell'angolo e Allen che (facendo passi molto probabilmente) ha avuto la prontezza di uscire dalla linea dei 3 punti e fare una prodezza. Analogo risultato (anzi, secondo me più probabile) potevi averlo facendo fallo e beccandoti ugualmente il rimbalzo offensivo sul secondo tiro sbagliato. Ma sono casi che rientrano nelle variabili secondarie rispetto alla giocata principale, quindi più imprevedibili rispetto al caso "faccio fallo per evitare la tripla / difendo per forzare una tripla sbagliata". Qui la tripla sbagliata c'è stata, è il dopo il problema, non la scelta in sé. Secondo me, eh.

  • RedMambaPT 31/01/2015, 10.36

    Io sono assolutamente favorevole a fare fallo.

  • Fenixwing 31/01/2015, 10.36 Mobile
    Citazione ( Sperullino66 31/01/2015 @ 10:20 )

    A mio parere e' fuorviante parlare di scuola americana o scuola europea, ma di scelta intelligente o scelta deficiente. Se Popovich avesse ordinato di fare fallo su Allen avrebbe avuto un anello in più....è scusate se è poco!

    Su Allen come facevi a far fallo? Semmai prima del tiro sbagliato da Miami o al massimo nei decimi di secondo in cui la palla è transitata fra le mani di Bosh, ma Allen era completamente da solo e in meccanica di tiro dalla ricezione.

  • Vroman72 31/01/2015, 10.34
    Citazione ( Sperullino66 31/01/2015 @ 10:20 )

    A mio parere e' fuorviante parlare di scuola americana o scuola europea, ma di scelta intelligente o scelta deficiente. Se Popovich avesse ordinato di fare fallo su Allen avrebbe avuto un anello in più....è scusate se è poco!

    quoto ma poi aveva da fa pure il ganzo col cronista il sig.Poponevic...Se ero il cronista gli dicevo Poro Brodo un fallo non fatto ti è costato il titolo! Io so europeo e te l'hai presa nel c.....o made in usa!!.... l'hai persa!!!!!

  • Vroman72 31/01/2015, 10.28
    Citazione ( Qohelet 31/01/2015 @ 01:03 )

    Rimesse sempre ai lunghi..

    bravo citto, bravo! rimette il lungo e il fallo lo fa il piccolino!

  • Sperullino66 31/01/2015, 10.20 Mobile

    A mio parere e' fuorviante parlare di scuola americana o scuola europea, ma di scelta intelligente o scelta deficiente.
    Se Popovich avesse ordinato di fare fallo su Allen avrebbe avuto un anello in più....è scusate se è poco!

  • Vnereandthunder 31/01/2015, 10.19 Mobile
    Citazione ( CoachPop 31/01/2015 @ 09:31 )

    Non posso che ridere di fronte agli "Si fa fallo e si vince tutta la vita" "Faccio fallo e vinco, scelta giusta" Finché uno esprime un'opinione: "Io sono per fare fallo", "Io sono per difendere" tutto è lecito e condivisibile. Dire "Fare fallo è ...

    D'accordissimo.

  • Vnereandthunder 31/01/2015, 10.14 Mobile
    Citazione ( PistolMaravich7 31/01/2015 @ 09:46 )

    finchè non cè un regolamento che vieta di fare fallo in questo tipo di situazione non vedo perchè un allenatore non debba sfruttarne la possibilità ,spiace dirlo ma Popovich non ha avuto l'umiltà di ammettere di aver commesso due errori madornal ...

    Mah... Se la scelta è quella di giocarsela e difendere in quella situazione specifica, dove presumibilmente l'intenzione di pop era quella di cambiare su ogni blocco, è molto meglio avere un Diaw in campo che un Duncan che non ha la velocità di piedi del francese.... Io personalmente in quell'azione, tanto discussa, vedo solo un grande errore... ed è di Parker che cambia sul blocco con 1/2 secondi di ritardo provocando una rotazione innaturale della difesa, concedendo così il rimbalzo in attacco a bosh e il successivo canestro.... Se il miglior playmaker della lega non avesse fatto quell'errore, che è un erroraccio che si può capire da ragazzini delle giovanili, avrebbero vinto... però mai che si faccia riferimento a quello... la colpa è sempre dell'allenatore... Io personalmente non sono d'accordo.

  • PistolMaravich7 31/01/2015, 09.46

    finchè non cè un regolamento che vieta di fare fallo in questo tipo di situazione non vedo perchè un allenatore non debba sfruttarne la possibilità ,spiace dirlo ma Popovich non ha avuto l'umiltà di ammettere di aver commesso due errori madornali in quel minuto finale,il primo tenere Tim Duncan in panchina(e gli Heat infatti hanno preso un rimbalzo d'attacco prima del tiro di Allen) ed il secondo appunto di non ordinare il fallo durante il time out precedente,è inutile che si aggrappi a sta cosa degli europei perchè "l'Hack-a-Shaq" se lo ricordano tutti ed anche Pop la usava come carta contro O'neal,anche questa cosa a me sembra parecchio "europea"....

  • Fenixwing 31/01/2015, 09.44 Mobile
    Citazione ( chauser 31/01/2015 @ 09:31 )

    vorrei aggiungere un'altra cosa. La differenza nei due metodi non è nella presunta efficacia, ma nella filosofia. Cioè gli americani sostengono che quel metodo è antisportivo. Che può essere un'opinione effettivamente...ma nessuno dice che contro ...

    Oltre a quello, IMHO a pochi secondi dalla fine in NBA rischi di più su un tap in offensivo sul secondo libero sbagliato che non subendo una tripla in cui hai ancora tempo e TO per imbastire un'azione tu. Poi dipende dal caso, a volte non ce la fai neanche a far fallo perché rischi di prendere i tre liberi se solo accenna l'azione di tiro l'attaccante, in Italia giusto quello che aveva fischiato quella cosa su Dawan a centrocampo può far una fischiata del genere.

  • CoachPop 31/01/2015, 09.44
    Citazione ( chauser 31/01/2015 @ 09:26 )

    l'unica cosa che un allenatore può decidere è la probabilità. Perchè nessuno è in grado di prevedere il futuro. Tu hai 2 casi. In uno permetti ad un giocatore di tirare da 3 e pareggiare in un colpo solo. (verosimilmente un giocatore dal 50% da ...

    Quanti Kevin Durant ci sono sulla terra?
    Perché tolto lui, mi vengono in mente pochi tiratori da 3 con il 50% che in un isolamento forzato non si possono costringere a forzare un tiro da 3, sapendo che sicuramente la palla andrà a lui e che dovrà tirare da 3. (Mitchell domenica ad esempio)

  • CoachPop 31/01/2015, 09.31

    Non posso che ridere di fronte agli
    "Si fa fallo e si vince tutta la vita"
    "Faccio fallo e vinco, scelta giusta"

    Finché uno esprime un'opinione: "Io sono per fare fallo", "Io sono per difendere" tutto è lecito e condivisibile.

    Dire "Fare fallo è la scelta giusta e così si vincono le partite" significa avere memoria corta, ignorare tutte le partite che si sono perse con quella scelta.

  • chauser 31/01/2015, 09.31
    Citazione ( Fac11 30/01/2015 @ 23:10 )

    ma come fai a far passare 8 secondi?? e poi perchè non posso chiamare TO? E comunque di giocatori che in cinque secondi ti fanno un Coast to coast ce ne sono, soprattutto in NBA, e a quel punto se fai fallo per difendere la perdi anche.

    vorrei aggiungere un'altra cosa. La differenza nei due metodi non è nella presunta efficacia, ma nella filosofia. Cioè gli americani sostengono che quel metodo è antisportivo. Che può essere un'opinione effettivamente...ma nessuno dice che controproducente, i vantaggi sono molto evidenti anche per loro

  • chauser 31/01/2015, 09.26
    Citazione ( Fac11 30/01/2015 @ 23:10 )

    ma come fai a far passare 8 secondi?? e poi perchè non posso chiamare TO? E comunque di giocatori che in cinque secondi ti fanno un Coast to coast ce ne sono, soprattutto in NBA, e a quel punto se fai fallo per difendere la perdi anche.

    l'unica cosa che un allenatore può decidere è la probabilità. Perchè nessuno è in grado di prevedere il futuro. Tu hai 2 casi. In uno permetti ad un giocatore di tirare da 3 e pareggiare in un colpo solo. (verosimilmente un giocatore dal 50% da 3) perchè in 10 secondi con la palla in mano ho tutto il tempo di andare in isolamento sereno. Nell'altro caso devi fare i liberi, sperare che io li sbagli e fare un altro tiro...tutto in 10 secondi. A livello statistico non ci sono cazzi. Poi ognuno giustamente rimarrà della propria idea...

  • rayalle 31/01/2015, 08.59
    Citazione ( artiglio 30/01/2015 @ 22:32 )

    Non so se ricordi l'andamento della partita. Eravamo 88-72 a 7' dal termine (vado a memoria), poi Chase smise di segnare anche dal parcheggio e avete pareggiato a quota 94 con 12 secondi alla fine (non 22 come ho scritto prima, ho scritto male). A no ...

    A me Menetti come allenatore piace, però la scelta di far fallo in situazioni del genere non la condivido assolutamente. In linea generale se sono pari e l ultima azione ce l hanno gli altri io non regalo loro mai e poi mai un viaggio in lunetta, ma mi affido sempre alla mia difesa. Per di piu nel caso specifico di quella partita, in cui come hai ricordato tu il vostro attacco era a secco o quasi da un bel po.
    Sinceramente non ho quasi mai visto andare a buon fine il tipo di scelta che facemmo quel giorno. Non fu neanche la prima volta, purtroppo ("purtroppo" ovviamente dal mio punto di vista) è proprio la linea di pensiero dello staff quella.
    P.S.: col cavolo che Chase era stanco, mi aveva fatto tirare giù tutti i santi quella sera :)




    Tornando all argomento dell articolo io sono di scuola europea e avanti di 3 faccio sempre fallo. 11 volte su 10

  • homerjsimpson 31/01/2015, 08.25 Mobile

    Fallo tutta la vita, Varese ha perso due partite così (Reggio e Sassari)

  • bellamartin 31/01/2015, 01.30 Mobile
    Citazione ( Qohelet 31/01/2015 @ 01:03 )

    Rimesse sempre ai lunghi..

    Scuola Coach :-)

  • Mozart 31/01/2015, 01.06

    dipende.dalla variabile tempo ad es... i tiratori stanno in campo ! c'è tempo x un rimbalzo ? come tira e passa il lungo ? magari lo sacrifico pure in panca....

  • Qohelet 31/01/2015, 01.03 Mobile
    Citazione ( Vroman72 31/01/2015 @ 00:57 )

    casomai importante è a chi fai fare la rimessa?? In lega A negli ultimi anni se ne son viste,allenatori zitti... e ci si ritrova che rimette colui che non dovrebbe.... sarebbe un dogma tra l'altro: la fo fare al lungo o al piccolo??? :))) seriamente ...

    Rimesse sempre ai lunghi..

  • Vroman72 31/01/2015, 01.01
    Citazione ( Mozart 31/01/2015 @ 00:55 )

    ho letto i vostri interventi.non ho cambiato idea, però è vero che ci son molti altri fattori da valutare. avversari, miei tiratori, gioco in casa o trasferta...nell'esempio di prima dell'agnello veniva in rimonta da -15 per cui l'inerzia era favor ...

    in questo caso amico mio...si, fa parte della difesa perché lo usi volontariamente.Siccome è una cosa adoperabile e in più... va da se che ti da un'arma in più, poi ovviamente ci sono le variabili, tipo la capacità di saper far fallo senza che sia considerato intenzionale.Di solito per coordinazione si chiede che a farlo sia un piccolo, quante volte vediamo il lungo che fa il movimento vistoso e viene penalizzato?
    Quest'anno Melli si è beccato quella fischiata in eurolega...E poi il QI dei tuoi giocatori.Ma se tutto è comprovato è avere un'arma in più e non è poco.

  • Vroman72 31/01/2015, 00.57

    casomai importante è a chi fai fare la rimessa?? In lega A negli ultimi anni se ne son viste,allenatori zitti... e ci si ritrova che rimette colui che non dovrebbe.... sarebbe un dogma tra l'altro: la fo fare al lungo o al piccolo??? :))) seriamente !

  • Mozart 31/01/2015, 00.55

    ho letto i vostri interventi.non ho cambiato idea, però è vero che ci son molti altri fattori da valutare. avversari, miei tiratori, gioco in casa o trasferta...nell'esempio di prima dell'agnello veniva in rimonta da -15 per cui l'inerzia era favorevole da un po'....il fallo devi essere sicuro di farlo presto, prima che l'avversario possa abbozzare un tiro. Si ! fa parte della difesa, è un'azione difensiva, il fallo non è solo un errore di timing

  • Vroman72 31/01/2015, 00.47
    Citazione ( Mozart 31/01/2015 @ 00:40 )

    semiOT perdonate...vista l'ora ;paltra situazione 18 secondi alla fine, parità, palla agli avversari dopo il ns canestro.la scuola europea che fa ?dell'agnello forse segue la scuola americana e si becca il canestro da tre degli avversari poco prima ...

    la pensi bene, io ho giocato una quindicina d'anni e vedo partite da 40 anni...sai quando si è perso? Quando non si è fatto quel fallo li.. te lasciagli tre punti pensando... che la deve mette da 3..che cosa ti porta? Se la mette vai ai supplementari con un avversario in rimonta, se comunque gli permetti il tiro da tre... può venir fuori (vista) che ci fischiano anche un fallo e non solo non vai ai supplementari ma perdi la partita..Popovic? Io gli avrei detto candidamente SI, e se ti ricordassi ove hai imparato...vincevi anche questa.E' l'apoteosi dell'essere sbruffone quella dichiarazione.Poi un appunto all'articolo, non è vero che si perde in quei frangenti con scelte corrette, se (in quel frangente) fai la scelta corretta, vinci e la porti a casa, se no... non era corretta.Il basket ( e i giovani non lo capiscono) nasce con la difesa prima di tutto, e la difesa contempla il fallo.

  • bellamartin 31/01/2015, 00.43 Mobile

    Nel dubbio mi prendo una birra

Pagina di 3