Nano Press
Facebook Twitter Instagram Google+ YouTube RSS Feed Italiano English Türkiye
ACB 21/05/2015, 15.39

ACB, recupero giornata 33: il Baskonia batte il Real e va ai playoff

94-81 per Baskonia in un autentico festival di triple

ACB

Laboral Kutxa Baskonia 94 – Real Madrid 81

Il Laboral Kutxa Baskonia batte il Real Madrid, fresco campione d’Europa, e si guadagna l’accesso matematico ai playoff. Autentico festival di triple quello messo in scena dalle due squadre in una partita in cui alla fine a prevalere è la maggior fame dei padroni di casa. Prima della partita consueto ‘pasillo’ ai campioni d’Europa da parte dei giocatori di Baskonia. Il pubblico di casa ne approfitta per applaudire due ex come Pablo Laso e soprattutto Andrés Nocioni, MVP della Final Four. All’inizio è ovviamente la squadra di casa a cercare di imporre il proprio ritmo ma il Real, pur privo di Llull, Reyes e Ayón, e con due junior al seguito come Doncic e Yusta, anch’essi freschi campioni d’Europa di categoria, entra bene nella partita rispondendo colpo su colpo (7-7, min. 4). Da qui in avanti inizia lo show: il Real segnerà solo da tre punti con Fernández (due più una in precedenza), Rivers e Campazzo (12-16, min. 7), ma Baskonia non è da meno e risponde per mano di San Emeterio. Il cantabrio segna ben quattro conclusioni dai 6,75 nel primo quarto chiudendo con 14 punti. Le sue triple, unite a quella finale di James, permettono ai baschi di chiudere avanti il primo quarto 26-19. La striscia positiva di fine primo parziale permette ai padroni di casa di acquisire fiducia anche in difesa dove riesce ad annullare le iniziative del Real. Il parziale di apertura del secondo quarto è infatti di 12-5 con cinque punti di Hopson (38-26, min. 14). Laso ferma la partita e prova a far ricorso alla panchina inserendo Mejri e Doncic. È pero Rodríguez con una tripla ad avvicinare i blancos ma la sua conclusione trova la risposta immediata di San Emeterio che dà il via ad un parziale di 7-0 con cui il Laboral Kutxa raggiunge il massimo vantaggio (46-31, min. 18). Nel finale Maciulis e Doncic provano a ridurre il passivo ma è ancora il capitano basco, gran protagonista del primo tempo con 20 punti, a fissare il 49-35 con cui si torna negli spogliatoi. Ad inizio terzo quarto arriva, prevedibile, la reazione del Real: tre triple di Rudy e cinque punti del “Chacho” riportano le merengues in partita, nonostante i cinque punti di James (59-51, min. 25). Il pubblico della Fernando Buesa Arena inizia a temere la furia blanca ma ci pensa ancora San Emeterio a togliere le castagne dal fuoco con una tripla (62-51, min. 26). Il vantaggio basco torna quindi a galleggiare intorno ai dieci punti con Shengelia e Hopson a rispondere ad altri cinque punti di Rodríguez (10 totali nel terzo quarto) (66-56, min. 28). Nocioni, ancora in versione Final Four, ci prova da tre ma come in precedenza, ogni volta che il Real si riaffaccia in singola cifra di svantaggio arriva pronta la tripla di San Emeterio a ricacciare indietro i blancos. Il parziale del quarto è 71-61 con due liberi di Rudy, fin ad ora a segno solo dai 6,75. Anche il quarto periodo inizia con il tentativo di rimonta del Real, grazie alle triple di Rivers e Carroll (73-67, min. 33). Stavolta però è Begic con sette punti consecutivi a ricacciare indietro gli ospiti (78-67, min. 35). Il copione è sempre lo stesso con Baskonia che riesce a controllare bene la partita ed il punteggio: Campazzo da tre e Slaughter con una schiacciata riavvicinano il Real, Causeur con una tripla lo ricaccia indietro (83-72, min. 37). Ci riprova Rudy dal perimetro ma risponde Adams (86-75, min. 38). Questa sembra essere la resa definitiva per i blancos: ancora Adams e Causeur dai 6,75 chiudono l’incontro per il 94-81 finale. Baskonia così torna alla vittoria, fondamentale perché pone fine ad una striscia di tre sconfitte consecutive che aveva messo in dubbio la presenza in postseason dei baschi, che un mese fa contendevano a Bilbao il quarto posto. Il trionfo odierno invece, certifica una qualificazione matematica che con una sconfitta rischiava seriamente di essere in pericolo, tagliando definitivamente fuori dalla lotta Zaragoza e Tenerife. Gli uomini di Navarro realizzano una grande prestazione di squadra contro un Real che, nonostante le assenze e la sazietà data dal trionfo europeo, ha comunque provato a contestare la vittoria basca fino alla fine. Le due squadre chiudono la gara con ben 32 triple totali, 15/26 (58%) per Baskonia e 17/36 (47%) per il Real.


Laboral Kutxa Baskonia: San Emeterio 26 con 7/10 da tre e 27 di valutazione, Causeur 13, 8 rimbalzi e 6 assist con 25 di valutazione, James 12

Real Madrid: Fernández 26 con 8/11 da tre e 27 di valutazione, Rodríguez 15, Rivers 8, Campazzo 7 assist

DI ALESSANDRO TARALLO

© Riproduzione riservata
Tag Liga ACB
Sportando

Sportando

Potrebbero interessarti
Comments Occorre essere registrati per poter commentare 4 Commenti
  • IlMastro 21/05/2015, 17.47

    Intanto è stato svelato il primo quintetto del campionato: Granger-Llull-Ribas-Reyes-Todorovic.

  • KingJames2 21/05/2015, 17.42 Mobile
    Citazione ( NeuDel 21/05/2015 @ 17:03 )

    l'averla in calendario 3 giorni dopo la finale di EL era un'arma a doppio taglio per il Baskonia, o un'allegra scampagnata contro i freschi campioni d'Europa oppure una prevedibile asfaltatura contro un Real ancora inkaxxato per aver perso l'ennesima ...

    Se il Madrid voleva evitare Vitoria al primo turno, ieri era obbligatorio perdere. Io ci avrei scommesso tutto sulla vita vittoria basca...

  • NeuDel 21/05/2015, 17.03

    l'averla in calendario 3 giorni dopo la finale di EL era un'arma a doppio taglio per il Baskonia, o un'allegra scampagnata contro i freschi campioni d'Europa oppure una prevedibile asfaltatura contro un Real ancora inkaxxato per aver perso l'ennesima EL.....
    è uscita la prima ipotesi....

  • KingJames2 21/05/2015, 16.21 Mobile

    Per motivazioni e assenze in casa madridista partita senza troppe storie, decisa nel primo tempo. Ora sarebbe una buona cosa evitare Vitoria al primo turno, è sempre un avversario tignoso e lo è ancor di più se pensiamo che il primo turno si gioca al meglio di tre incontri...